Emergenza continua.

Como: Molteni, 50 profughi nei giardini della stazione. Emergenza continua.

Alfano non vede non sente non parla. Venga a Como.

Como, 18 lug. - "Invito Alfano a Como a toccare con mano il degrado in cui versa la stazione san Giovanni.È' inaccettabile che nel 2016 la stazione di una città turistica come Como sia ridotta a bivacco e campo profughi come sta avvenendo da oltre 10 giorni. Como e i comaschi non meritano questa vergogna!! Il deputato comasco della lega Nicola Nord, Nicola Molteni lancia l'allarme. Non bastava aver trasformato la stazione di Como, esattamente come a Ventimiglia, nell'ennesimo centro profughi , ora anche i giardini di fronte la stazione sono stati presi d'assalto da almeno 50 presunti o falsi profughi che hanno deciso di utilizzarli come area bivacco e accampamento. Un vero campo profughi a cielo aperto. Uno scenario - continua Molteni - davvero avvilente per gli stessi migranti, per i turisti che arrivano in città ma soprattutto per i comaschi costretti a convivere ormai da oltre 10 giorni con degrado e condizioni igienico sanitarie da terzo mondo che peggioravano quotidianamente. Il menefreghismo e il disinteresse del governo per quello che accade a Como sono vergognosi. Abbiamo sollecitato il ministro Alfano ad intervenire il quale però " non vede non sente non parla" . Mentre infatti gli altri paesi europei come la Svizzera hanno deciso di controllare le frontiere, la politica di Alfano e Renzi ha alimentato e incentivato dal 2014 ad oggi lo sbarco nel paese di oltre 400 mila falsi profughi. Una enormità".  Un'emergenza a tutti gli effetti.  Per questo dopo aver presentato nei giorni scorsi un'interrogazione, Molteni invita Alfano o RENZI a Como. "I due campioni di buonismo vengano a Como e tocchino con mano il degrado in cui versa la stazione San Giovanni e i giardini adiacenti. Insisto - conclude Molteni - affinché la stazione e tutta l'area circostante vengano subito liberate per farle tornare ad essere il biglietto da visita di una città turistica di livello mondiale".