COMASCA ARRUOLATA NELL'ISIS.

COMO:MOLTENI, COMASCA ARRUOLATA NELL'ISIS. ALLARME GRAVISSIMO PER IL TERRITORIO LARIANO. LEGA SI SCAGLIA CONTRO GOVERNO MA RENZI DORME

Roma, 18 mar. -" Alfano e Renzi dormono, si vendono alla Turchia aprono le porte del paese a una invasione di massa, tagliano risorse alla sicurezza e alle forze di polizia e intanto il terrorismo di matrice islamica si radicalizza a Como nel l'indifferenza generale". Il deputato comasco Nicola Molteni commenta così l'ennesimo caso di arruolamento di cittadini italiani all'estremismo islamico. "E' grave e vergognoso quanto sta accadendo. Alice Brignoli, classe 77 cittadina italiana comasca convertita all'islam radicale e trasferita in Siria a fiancheggiare e a combattere per il califfato islamico, è solo l'ultimo caso di quanto il terrorismo islamico ora risiede in casa nostra, nella provincia comasca. Abbiamo il terrorismo in casa e il Governo continua ad aprire le porte del paese a clandestini senza identità e a possibili terroristi, taglia soldi alle forze dell'ordine, garantisce impunità e salvacondotti a criminali. È una follia, un fatto gravissimo per la sicurezza della provincia di Como, nonostante l'allarme più volte da noi denunciato nel disinteresse totale del Governo di Roma". Molteni, che oggi presenta un'interrogazione al governo per avere ulteriori elementi di chiarezza su questo ennesimo caso di presenza del terrorismo islamico nel comasco, chiede l'immediata chiusura di tutti i luoghi di culto islamici, moschee, centri culturali tali o presunti tali nel comasco, più uomini e più Risorse per le forze di polizia. "Si sta rischiando col fuoco - conclude il deputato del Carroccio -. Mentre il califfato ci domina e ci conquista a Como si spendono quasi 20 milioni di € per alimentare il business dell'accoglienza di falsi profughi. Siamo al suicido della nostra identità".