Home

COMO. RILASCIO SPACCIATORI INNEGGIANTI A ISIS: PRESIDIO DI PROTESTA DELLA LEGA NORD

COMO. RILASCIO SPACCIATORI INNEGGIANTI A ISIS: PRESIDIO DI PROTESTA DELLA LEGA NORD

MOLTENI: DEPOSITATA INTERROGAZIONE PARLAMENTARE PER ESPULSIONE LOCATELLI: CI OPPORREMO E DENUNCEREMO OGNI SOPRUSO
 
(Como, 09 mar) “Inaccettabile quello che sta accadendo a Como: l'area dei giardini pubblici dell'ex zoo sta diventando sempre più un luogo pericoloso per la sicurezza dei cittadini”. A dichiararlo sono il parlamentare lariano Nicola Molteni ed il segretario cittadino della Lega Nord Alessandra Locatelli, in merito alla situazione di degrado in via Sant'Elia, a Como, più volte denunciata sia dalla Lega Nord che dai residenti.

PRESIDIO DI PROTESTA - La Lega Nord di Como annuncia per domani, venerdì 10 marzo, alle ore 18:00, un presidio in segno di protesta per il rilascio immediato dello spacciatore inneggiante all'Isis, e del suo spalleggiatore, entrambi provenienti dal Gambia ed alloggiati nell'ex caserma di via Borgovico. La Lega scenderà in piazza, ancora una volta, per chiedere la chiusura immediata di questo centro di accoglienza, ormai solito ad ospitare criminali e portatori di odio nei confronti della cultura cristiana.


INTERROGAZIONE PARLAMENTARE - "È una follia, commenta l’Onorevole Nicola Molteni -  che dei richiedenti asilo ospitati nel centro di accoglienza di via Borgovico, compiano fatti così gravi e vengano subito rilasciati". "Si tratta  - continua Molteni - di un fatto gravissimo che conferma il fallimento delle politiche migratorie  e di integrazione adottate da questo governo. Ho già presentato un’interrogazione urgente per chiedere l'espulsione immediata di questi soggetti".


RISULTATO DI POLITICHE BUONISTE - “Ci opporremo sempre, con tutte le nostre forze, - conclude il segretario cittadino Alessandra Locatelli - alle politiche buoniste che fino ad oggi non hanno lasciato altro che maggior spazio al degrado e all'insicurezza nella nostra città. Episodi come quello accaduto al famoso "parchetto rosso", non devono passare sotto traccia ma al contrario vanno denunciati".
 

ore 18.00, presso giardini in via Sant’Elia - Como


Ufficio Stampa

Lega Nord Como

 

Flat Tax

 Serata di dibattito sulla Flat Tax spiegata da Armando Sirigiovedì 30 marzo ore 21 a LOMAZZO.

INCONTRO PUBBLICO

VENERDI' 3 MARZO ore 21.00
COMO sala civica in via Collegio dei Dottori, 9

INCONTRO PUBBLICO
 
" POLITICHE SANITARIE E POLITICHE SOCIALI: QUADRO DELLA SITUAZIONE REGIONALE E SPUNTI PER LA NOSTRA CITTA' "

CON

  Cons.Reg. Fabio ROLFI (Pres.Commissione Sanità)
Cons.Reg. Daniela MARONI
Avv. Gianmarco BECCALLI


Saranno inoltre presenti il Segretario cittadino di Como Alessandra LOCATELLI, il Segretario Provinciale Fabrizio TURBA e il candidato Sindaco di centrodestra a Como dott. Mario LANDRISCINA.


L'incontro è aperto al pubblico e organizzato dalla Sezione cittadina Lega Nord di Como.

Vi aspettiamo!

l'Europa se ne lava le mani

Como, 27 feb.
 
"L'Europa che non vogliamo colpisce ancora. Como è invasa da clandestini senza documenti respinti al confine svizzero e l'Europa se ne lava le mani". Il segretario della Lega Nord Matteo Salvini commenta così la risposta della Commissione Europea di non modificare le politiche in materia di migrazione, nonostante la concentrazione insostenibile di immigrati in città a seguito della decisione Svizzera di rimandare in Italia chiunque cerchi di attraversare il confine senza documenti. Una situazione che sta per trasformarsi in una bomba sociale. "Si tratta di una risposta scandalosa data dalla Commissione alle legittime domande poste dal segretario Salvini - commenta il deputato comasco della Lega Nord Nicola Molteni. La cosa più grave è che la Commissione, non solo non ha mai provveduto alla programmazione dei ricollocamenti, obbligandoci ad allestire gli Hot Spot, ma ora, malgrado gli evidenti problemi nella gestione dei flussi migratori, non intende cambiare minimamente rotta. Senza infatti modificare il Trattato di Dublino, tutto il peso degli sbarchi e dell'accoglienza grava sul nostro paese". La linea che congiunge Milano a Chiasso rappresenta infatti uno degli snodi ferroviari principali che collegano il nostro paese con la Svizzera e attraverso di essa col Nord Europa. E la stazione di Como ultima prima del confine, è ormai divenuta l'accampamento stabile di centinaia di immigrati con gravi gravissime in termini di rischio sanitario, sociale e di sicurezza. "In questo modo - sottolinea Alessandra Locatelli, Segretario della Lega Nord di Como - si sta inoltre cancellando completamente la vocazione turistica della città che sta cambiando fisionomia. E la  risposta della Commissione Europea certifica il disinteresse e il distacco dalla realtà dei fatti che ricadono esclusivamente sulle spalle dei cittadini". Dello stesso avviso anche il Segretario Provinciale Lega Nord Fabrizio Turba per il quale: "l'Unione Europea è corresponsabile insieme a chi governa questo paese, della disastrosa situazione in cui versano le nostre città".